Un crowdfunding per autofinanziare la seconda edizione

La prima edizione del Festival è stata cofinanziata dal bando Eventi innovativi della Regione Calabria, la seconda edizione invece, che si terrà nei giorni 8-9-10 Luglio 2022 a Rende (CS), sarà completamente autofinanziata, e per questo chiediamo il sostegno della comunità. Abbiamo infatti necessità di creare un fondo per mettere al riparo da ogni incertezza i cachet e l’ospitalità di artisti, tecnici, operatori e i costi vivi per l’organizzazione dell’iniziativa. Il Festival è ad ingresso gratuito, libero l’ingresso alla fiera, agli incontri, ai concerti, ma il lavoro deve essere retribuito, specie in un settore così tanto colpito dalla pandemia. Questo è il nostro primo crowdfunding, ma l’autofinanziamento è nel nostro DNA, è lo strumento che ci ha consentito di mandare avanti le nostre attività per 26 anni in maniera libera e autonoma, mantenendo sempre la schiena dritta in una regione dove questo non è così scontato.

CALABRIA IN FIORE RITORNA TRA
2022/07/08 17:00:00
null

Prenota il tuo stand in Fiera

Se sei un’azienda o un’associazione del settore canapicolo (tessile, alimentare, cosmetico, edilizio, ecc.) puoi esporre e vendere i tuoi prodotti, promuovere il tuo ente e fare divulgazione. Gli eventi del Festival sono ad ingresso gratuito e si prevede un’elevata affluenza di pubblico nelle tre giornate.
null

Vuoi collaborare al Festival?

Puoi aiutarci a promuovere gli eventi oppure entrare proprio nel team dei volontari. Compila il form e lasciaci un tuo recapito, il nostro staff ti ricontatterà.
null

Vuoi sostenere il Festival e i suoi obiettivi?

La seconda edizione invece, che si terrà nei giorni 8-9-10 Luglio 2022 a Rende (CS), sarà completamente autofinanziata, e per questo chiediamo il sostegno della comunità. CONTRIBUISCI ANCHE TU

Calabria In Fiore è un festival che punta alla riscoperta e valorizzazione della canapicoltura in Calabria attraverso l’arte e la scienza. Pianta antichissima e versatile come poche, la canapa vanta una lunga storia di coltura e cultura nella nostra regione, dovuta ai suoi mille impieghi differenti, in settori più tradizionali, come quello tessile, ma anche molto innovativi, come la fitodepurazione. Unico nel panorama regionale, il Festival si svolge in un’oasi naturale collocata nel cuore dell’area urbana di Cosenza-Rende, ed è articolato in incontri, dibattiti, lezioni con esperti e docenti, laboratori artigianali, eventi artistici, e una fiera di produttori. Rivolta ai giovani ma anche alle famiglie, la manifestazione contribuisce al potenziamento dell’offerta turistico-culturale calabrese in una dimensione internazionale.

Video-Report della Prima Edizione a cura di Francesco Cristiano

News

il Team

Il team di “Calabria in Fiore” è eterogeneo e multiculturale e riconosce nella diversità una preziosa risorsa per lo sviluppo della comunità. Individui con età e esperienze differenti del mondo del giornalismo, del teatro, dell’attivismo e della militanza civile, ma anche studenti e studiosi di comunicazione, di lingue, di scienze naturali, di scienze per la cooperazione lo sviluppo, di economia. Tutti cittadin* consapevoli e responsabili nei confronti del territorio e del pianeta, che partecipano attivamente al processo di costruzione della società promuovendo la centralità del capitale culturale e relazionale per uno sviluppo sostenibile anche nella dimensione sociale.

TEAM

Amici del Festival

Via Alberto Savinio 34, Arcavacata di Rende (CS)

0984 493086

– siamo aperti dal Lunedi al Venerdi dalle 9.00 alle 19.00 –

raccolta
“Quello solo articolo, che riguarda la salute, e la vita degli uomini deve rendere la nuova ricetta preziosa, e farla ricevere generalmente nella Calabria, ed io non ho veruna difficoltà a comunicarla unitamente col metodo tenuto nell’averla con sì felice successo eseguita. Ecco dunque come col mezzo di quella ricetta nella Provincia si potrebbe avere la più bella, e finissima Canapa del Mondo, le stoppe veramente eccellenti, e che servirebbero a più usi; dal che ne seguirebbe, che i Contadini, e proprietari stimolati dal profitto di quella nuova scoperta, s’invoglierebbero indubitamente a render la coltivazione della Canapa più distesa di quel, che al presente ritrovasi”.

Dal “Saggio di Economia Campestre per la Calabria Ultra” scritto dal Marchese D. Domenico Grimaldi de’ Signori di Messimeri, Corrispondente Georgofilo, membro onorario della Società Economica di Berna e Socio della Società Reale di Agricoltura di Parigi (1770)